Schema generale

Le API di Fullapps rappresentano una comoda modalità per poter accedere ai dati indicizzati da Fullapps direttamente da un sito esterno o da un servizio Web. Il nostro obbiettivo è quello di diffondere le informazioni di cui disponiamo, e la possibilità di cercarle con nuove modalità rispetto a quelle standard offerte dai marketplace originari (attualmente Google Play, ossia Android market, e iTunes). Le informazioni contenute in questa pagina e nelle seguenti indicano aspetti di dettaglio, tecnici o meno tecnici, per poter utilizzare le nostre API. In questi primi mesi il servizio viene offerto su richiesta esplicita e accordo contrattuale.

Alcune demo

Per verificare alcune demo (nella versione Recommending) si vedano: questo esempio oppure quest'altro . In questi esempi è possibile cliccare su una riga della select box (dove viene descritto un dominio) e visualizzare i risultati (compatibili con quel dominio), in una modalità ricca di informazioni. Ovviamente i campi visualizzati possono essere molti meno e formattabili in maniera diversa, rispetto alle esigenze del sito ospite.

Come funzionano

Il funzionamento dipende dal tipo di API ( vedi dettagli): in generale, viene chiamata una funzione javascript con una catena di parametri (i quali possono essere predefiniti, definiti dal sito ospite opp dall’utente del sito al momento del lancio della query), questa lancia una Servlet java (non visibile dal servizio) che risponde con i risultati in formato json, che possono essere facilmente interpretati da javascript e proposti sul sito nel formato che più aggrada al proprietario. Si veda la rappresentazione sottostante delle API di ricerca delle applicazioni.

api ricerca apps

Più in dettaglio, spieghiamo in tre passi come usare le API di Fullapps:

api ricerca apps come fare

Modalità completa della spedizione della richiesta http tramite le API

ServletURL/Search?q="query_value"&lang="lang_value"&m="market_value"&cat="category_value"&order="type_order" &a="type_action"&nres="n_result_forpage"&p="num_page"&auth="auth_user_code"

Significato dei parametri di input
  • ServletURL = l’indirizzo della java Servlet da chiamare
  • lang_value = it/en
  • query_value = il contenuto della query
  • market_value = itunes/android/full
  • category_value = una delle 40 categorie visibili nella pag principale – ricerca avanzata
  • type_order = uno dei 4 ordinamenti visibili nella select box "ordina per" – ricerca avanzata
  • type_action = il tipo di azione, ovvero la modalità di selezione del tipologia di API
  • n_result_forpage = il numero di risultati visualizzati per pagina
  • num_page = il numero pagina
  • auth_user_code = il codice di autenticazione per utilizzare le servlet e dipendente dal dominio chiamante
Significato dei campi di output
  • appMarketID = idmarket come indicato nel marketplace
  • keyID = idApp nel nostro DB
  • appName = nome app
  • appNameTrunc = nome app troncato ai primi 40 char
  • typeMarket = tipo di marketplace (0=Android, 1=iTunes)
  • thumb = url thumbnail app
  • rating = rating (stellette di votazione) indicato nel marketplace
  • userRating = popolarità indicata nel marketplace
  • url = url della pag app dedicata nel marketplace
  • price = prezzo in euro
  • device = dispositivi per cui l'app è stata progettata
  • mainCategory = categoria principale (del marketplace)
  • categories = eventuali altre categorie
  • rank = posizione del risultato
  • indexKey = idApp nel sistema di indicizzazione (diverso da index DB)
  • developerName = nome sviluppatore/editore dell'app
  • developerUrl = url sviluppatore/editore dell'app
  • availableLangs = lingua per cui l'app è disponibile
  • inputLang = lingua in input della query
  • snippet = breve frase che rappresenta l'app
  • numTotResult = numero risultati visualizzabili (limite da concordare con il cliente: max 250)
  • numGlobalTotResult = numero totale di risultati restituiti
  • version = versione app sul marketplace
  • releaseDate = data di rilascio ultima versione
  • realLang = lingua della descriz dell'app interpretata automaticamente (it/en): in diversi casi anche app rilasciate in IT non sono descritte in italiano

Per maggiori dettagli clicca qui

Tipologie di API

Il modello generale delle API si divide in 4 tipologie diverse, selezionabili ognuna attraverso il param Azione presente tra i parametri in input, illustrati nella Sezione Schema Generale

  • type_action = il tipo di Azione, ovvero la modalità di selezione del tipologia di API
tipo Search

E' la modalità standard di ricerca. Il sito ospite propone una form di input che chiama direttamente le API con i contenuto della query. Action = Search.

tipo Recommending

Si tratta della modalità di proposta/suggerimento delle app sensibili alle keywords che il gestore della pagina Web ospite desidera utilizzare (o al contesto della pagina). Questa tipologia è equivalente a un Action = Search, con la differenza che la query non è digitata dall’utente, ma è la combinazione di keywords che ha scelto il gestore per rappresentare la propria pagina (è anche possibile, su richiesta, agire in maniera dinamica, ossia attivare un sistema di riconoscimento delle keywords significative della pagina che contiene la chiamata di API). Esempi di Recommending si possono vedere nelle pagine di dettaglio di Fullapps, dove il sistema propone Apps simili a quella in oggetto nella pagina di Dettaglio.

tipo Domain Search

Si tratta di una modalità automatica simile a quella di Recommending, con la differenza che è più semplice: è sufficiente che il gestore della pagina ci dica il nome del dominio/i, e il sistema automaticamente associa le le keywords più compatibili e attiva la modalità di Recommending, si vedano questo esempio oppure quest'altro . Action = Domain Search.

tipo Develop Search

E' simile al tipo Search, con la differenza che il sistema cerca tutte le api di un certo Sviluppatore/Editore. Action = Develop Search.

Tabella riepilogativa

Presentiamo in questa tabella i parametri di I/O rispetto alle diverse tipologie di API. Come viene evidenziato il risultato è sempre lo stesso: la stringa json definita nella Sezione Schema Generale , pubblicabile per intero o con un numero parziale di campi. Ogni stringa json come quella mostrata viene moltiplicata per N volte, dove N è il numero degli item che compongono la Search Engine Result.

Param necessari Param opzionali Risultato (stringa json: item generico)
tipo Recommending Original query, language
  • appMarketID,
  • keyID,
  • appName,
  • appNameTrunc,
  • typeMarket,
  • thumb,
  • rating,
  • userRating,
  • url,
  • price,
  • device,
  • mainCategory,
  • categories,
  • rank,
  • indexKey,
  • developerName,
  • developerUrl,
  • availableLangs,
  • inputLang,
  • snippet,
  • numTotResult,
  • numGlobalTotResul,
  • version,
  • releaseDate,
  • realLang
tipo Search Original query Category,
language,
typeMarket,
num result/page,
ordering type
tipo Domain Search Url domain Category
tipo Develop Search Original query
(nome dell'editore/sviluppatore)

API Fullapps Faq

  1. Quali sono i servizi di Fullapps?
  2. Che cosa sono Fullapps APIs?
  3. A cosa servono?
  4. A chi servono?
  5. Come funzionano?
  6. Occorrono particolari competenze per usarle?
  7. E se non si dispone di queste competenze?
  8. Quali risultati visualizzano e dove li visualizzano?
  9. Negli esempi che proponete, i link sono diretti alla pag di dettaglio di Fullapps. Ci sono altre possibilità?
  10. Come avviene la registrazione al servizio?
  11. Si può accedere a tutti i dati del DataSet di Fullapps?
  12. Ci sono dei limiti nell'utilizzo?
  13. Sono gratuite? Cosa ci guadagna chi usa il servizio?
  14. Prevedete un servizio di link e posizionamento sponsorizzato?

1. Quali sono i servizi di Fullapps?

I servizi attuali di Fullapps comprendono API (Application Programming Interface) alle quali, nei prossimi mesi, verranno affiancati Web Widget), sottoforma di applicazioni esemplificative delle API stesse.

2. Che cosa sono Fullapps APIs?

Le API di Fullapps rappresentano una comoda modalità per poter accedere ai dati indicizzati da Fullapps direttamente da un tuo sito o da un tuo servizio Web. Il nostro obbiettivo è quello di diffondere le informazioni di cui disponiamo, e la possibilità di cercarle con nuove modalità rispetto a quelle standard offerte dai marketplace (attualmente Google Play (ossia Android market) e iTunes).

3. A cosa servono?

Esistono diverse modalità di chiamare le nostre API (vedi Tipologie di API ): per effettuare diversi compiti: suggerire App congruenti rispetto al dominio o al contesto della pag web che le ospita, oppure per cercare App in maniera semplice, come si usa fare con un motore di ricerca, o ancora per cercare editori/sviluppatori di Apps.

4. A chi servono?

A chiunque ritenga che offrire delle informazioni aggiunte di questo tipo possa valorizzare la propria pagina Web e richiamare pubblico. Per fare qualche es: un sito di informazioni turistiche ha in questo modo la possibilità di aggiungervi info riguardanti le Apps a tema, così come un sito di contenuti didattici, o, in maniera più specialistica, qualunque sito di recensioni, informazioni e promozioni di Apps può avere a disposizione uno strumento utile per informare la propria comunità. In generale vediamo le API come la possibilità di promuovere le Apps di Marchi/Editori/Sviluppatori in contesti nuovi, creando nuove formule sinergiche tra questi nodi.

5. Come funzionano?

Dipende dal tipo di API (per dettagli vedi Tipologie di API ). In generale, viene chiamata una funzione javascript con una catena di parametri (i quali possono essere predefiniti, definiti dal sito ospite oppure possono essere semplicemente quelli della query utente). La funzione lancia una Servlet java (non visibile dal servizio) che risponde con i risultati in formato json, che possono essere facilmente interpretati da javascript e proposti sul sito nel formato che più aggrada al proprietario.

6. Occorrono particolari competenze per usarle?

Bastano quelle html/javascript di base. In pratica è sufficiente sapere come chiamare funzioni javascript da un sito, e leggere da var javascript. La lettura del formato json è molto semplice, e possiamo comunque fornire esempi.

7. E se non si dispone di queste competenze?

Siamo in grado di provvedere alla creazione di un widget personalizzato da inscrivere nella pagina html del tuo sito.

8. Quali risultati visualizzano e dove li visualizzano?

Per fare un caso concreto si veda questo esempio oppure quest'altro . Nell'esempio, dedicato a un caso particolare di API, quelle search by domain, sono visualizzati tutte le informazioni pubblicabili da ogni tipo di API, e le pagine raggiungibili dai click effettuabili. Si tratta comunque del caso standard. E' possibile ovviamente visualizzarne di meno, riposizionarle, e sono possibili anche variazioni sugli indirizzamenti in uscita, in funzione degli accordi raggiunti

9. Negli esempi evidenziati nel punto precedente, i link sono diretti alla pag di dettaglio di Fullapps. Ci sono altre possibilità?

Certamente, quello è solo un esempio standard. E’ possibile sia visualizzare la nostra pag di dettaglio in un iFrame del sito ospite, come nel caso dei widget di youtube, in modo tale che l’utente del sito che sta usando le API rimanga nel sito ospite, oppure è possibile dirottare il traffico vs altre pagine, come potrebbero essere quelle di un editore/marchio che vuole essere raggiunto dal recommendig/search della sua app. Le Api/Widget possono avere anche una funzione di banner evoluto, in cui l’editore di una app promuove sia la propria app, sia il suo sito web e i suoi prodotti.

10. Come avviene la registrazione al servizio?

Per impedire a chiunque di usarle in maniera indiscriminata, è stato previsto un codice univoco e riservato per ogni utente (correlato al dominio/i dell’utente in maniera codificata, quindi non arbitrariamente cedibile ad altri). Attualmente la registrazione avviene per contatto personale (inviare mail a api@fullapps.it ), anche per valutare insieme al richiedente eventuali opportunità commerciali comuni. Nei prossimi mesi verrà definita una procedura automatica.

11. Si può accedere a tutti i dati del DataSet di Fullapps?

Praticamente a tutti quelli visibili nella pag principale del motore di ricerca. Per avere a disposizioni altri dati, come quelli della pagina di dettaglio del nostro motore, o eventuali metriche e dati statistici occorre stabilire un accordo personalizzato (inviare mail a api@fullapps.it ).

12. Ci sono dei limiti nell'utilizzo?

Attualmente siamo in grado si supportare globalmente circa 30-50.000 chiamate al giorno. Quindi, considerando che in un blog il numero di chiamate alle API, possa variare da 1/20 a 1/100 quello del traffico sulla pagina del blog, c'è un buon margine di utilizzo.

13. Sono gratuite? Cosa ci guadagna chi usa il servizio?

Si, certo, sono gratuite. Vengono riconosciute delle revenue ai siti che ospitano le API in funzione del traffico che generano nelle nostre pagine di dettaglio - che a partire dai primi di giugno saranno linkate da diversi domini, e sulle quali verranno collocati banner e in seguito Google AdSense - e del tipo di accordo che si raggiunge con il cliente. Inoltre, come viene accennato nel punto 9 sono contemplabili altre possibilità intermedie, che prevedono la permanenza degli utenti sui siti ospiti.

14. Prevedete un servizio di link e posizionamento sponsorizzato?

Si, è nelle nostre intenzioni creare delle formule di posizionamento Apps in funzione dell’acquisto di kwd e di ranking rispetto a queste kwd, con opportuna segnalazione della modalità sponsorizzata.